Avete presente la torta al cioccolato delle fiabe, quella alta minimo sei dita, quella incredibilmente soffice ma anche irresistibilmente golosa, in cui gli occhi affondano ancor prima dei morsi, quella tagliata in almeno tre strati e farcita da ogni tipo di crema? Ecco, è tanto facile da immaginare quanto difficile da realizzare. Le torte al cioccolato o al cacao uscite dal mio forno sono sempre state o dei mattoni di […]

A Natale ho ricevuto un regalo splendido. Un libro. Che già di per sé, è un regalo di un certo valore. Ma non si tratta di un romanzo, né di un diario. Non è un manuale di cucina, né tantomeno una raccolta di ricette. Si intitola “I biscotti di Baudelaire” e l’autrice è una certa Alice B. Toklas. Se questi due nomi vi dicono qualcosa, siete già sulla buona strada. […]

Dici scampo e pensi ad una via di fuga. Io, invece, ho già l’acquolina in bocca. Per me scampo significa ricerca della perfezione, leggerezza, delicatezza, significa un’estasi del palato e della mente. Gli scampi sono tra i crostacei più prelibati, e sono i miei preferiti in assoluto. Mi ricordo ancora la prima volta che li assaggiai, da grandicella, in un ristorantino sul mare, e rimasi rapita da questa polpa bianca […]

Metti un viaggio a Parigi, una scarsissima conoscenza del francese e una gran curiosità per tutto ciò che è locale – astenersi lettori che viaggiano con spaghetti e sugo della nonna in valigia. Metti una cena molto romantica, un bistrot minuscolo in cui tutti i piatti sono scritti esclusivamente su una lavagna nera (solo in francese, ça va sans dire) e i primi bicchieri di vino che stanno facendo il […]

Quando ho voglia di cucinare, di stare ore ai fornelli a rimestare, mescolare, insaporire e assaggiare, non c’è niente di meglio che fare una ratatouille. In francese “touiller” significa proprio mescolare, e in questo piatto si uniscono e si fondono colori sgargianti, sapori, profumi intensi, consistenze diverse, ma – ecco il segreto – solo alla fine. E’ un piatto economico, povero, ma vi costerà in termini di tempo, di cure, […]

Che Lewis Carroll, al secolo Charles Lutwidge Dodgson, abbia scritto un’opera geniale, è fuori da ogni dubbio. I suoi nonsense, i divertissements linguistici, i personaggi più che bizzarri e le loro peripezie hanno affascinato, divertito, ispirato generazioni di lettori, dai più autorevoli ai più comuni, resta solo da stabilire se l’opinione di Joyce o Borges sia più autorevole di quella di un bambino. Ed è proprio per una bambina che […]