Autore: Daniele Baruzzi
Categorie: Cucina, Ricette

Grazie ai banchi del mercato gestiti da extracomunitari negli ultimi anni siamo venuti in contatto con frutta e verdura sconosciute ai più. Alcuni di voi avranno notato l’apparizione a Firenze di strane “zucchine” di colore verde chiaro, molto lunghe (possono andare da circa 50 cm a oltre un metro di lunghezza). Verdura esotica? No, si tratta della lagenaria longissima, molto diffusa nel sud italia. Quando l’ho vista a Firenze per la prima volta, su un banco del mercato di S.Ambrogio, l’effetto è stato quello di uno spostamento spazio-temporale. “La cocuzza longa delle zie!”. Quella buffa zucca  - sembrava un bastone verde – che da bambino d’estate vedevo negli orti in Sicilia pendere dai pergolati, oppure attaccata alla lapa (l’Apecar, per i continentali) del verduraio ambulante che girava casa per casa banniando (urlando) i suoi prodotti. Notare la mattina, prima di andare al mare, la presenza della mitica cucurbitacea in casa ed iniziare a pregustare il pranzo con la zucca lunga preparata dalle adorate zie era un tutt’uno. Una zuppa, anzi, una minestra - come in Sicilia vengono chiamate le zuppe di verdure – godibilissima d’estate, mangiata tiepida o addirittura a temperatura ambiente accompagnata dal pane a latere. Il tipico piatto povero di origine contadina. E’ l’unico modo in cui ho mai mangiato la zucca lunga, tanto è vero che, vista a Firenze, mi sono chiesto chi mai la comprasse e come la preparasse.

Prima di raccontarvi come le zie (e nel mio piccolo ogni tanto anch’io) cucinano la minestra di zucca lunga, una curiosità. Con le foglie ed i germogli teneri della pianta della zucca lunga – i tenerumi – in Sicilia si fa anche una splendida minestra con la pasta. Prima o poi vi daremo la ricetta anche di questa. Nel frattempo, se volete farvi la cocuzza longa per 4 persone…

Ingredienti:
Una zucca lunga da 50/60 cm massimo (se sono più lunghe, rischiate che siano dure e con molti semi)
Una decina di pomodorini pachino
Due patate
Una cipolla abbondante
100 gr. di pecorino grattugiato
Basilico
Peperoncino
Sale

Procedimento:
Pelate la zucca con un pelapatate, e tagliatela a rondelle, da dividere eventualmente in a metà (in semicerchi, per capirsi).
Tagliate i pomodorini a metà.
Pelate e tagliate le patate a pezzi (non troppo fini, onde evitare che si spappolino in cottura).
Tagliate fine la cipolla.
Soffriggete in olio extravergine la cipolla, quindi aggiungete i pomodorini ed il peperoncino e, quando questi ultimi saranno ammorbiditi, la zucca e le patate.
Fate rosolare leggermente il tutto, a fiamma vivace.
Aggiungete un bicchiere abbondante di acqua calda, incoperchiate e abbassate il fuoco.
Lasciate in cottura sino a quando le patate non saranno cotte. La minestra non deve essere molto brodosa ma nemmeno asciutta.
Aggiustate di sale e aggiungete 5 o 6 foglie di basilico, quindi spengete il fuoco.
Lasciate intiepidire la minestra, e prima di servire aggiungere il pecorino grattugiato.

Photo by scorzadarancia.blogspot.it

Potrebbe interessarti anche:

Una risposta.

  1. Emma Carganico Emma Carganico scrive:

    Ho sperimentato la ricetta. Veramente ottima! Peccato che non sia facile trovare la zucca.

Rispondi