Autore: Gianluca Volpi
Categorie: Cucina, In evidenza, Ricette

Un’estate di qualche anno addietro mi trovavo a Samos, un’isola bellissima e un po’ meno colonizzata dalle moltitudini di turisti che invadono le località greche durante l’estate. E’ ad un passo dalle coste turche e quell’isola ricorda davvero tanto la Turchia per il clima, l’architettura e l’atmosfera lenta e sonnacchiosa.

In particolare mi ricordo una piccola spiaggia incastrata sulla costa boscosa e a picco sul mare, la bellissima spiaggia di Tsamadou, un posto che da solo meritava il viaggio.  Su quella spiaggia ombreggiata c’era una piccola osteria di legno, sgangherata e non troppo rassicurante a vedersi, ma decisi di provarla incuriosito dalla musica che proveniva dalla bettola, niente a che vedere con le hit estive o l’assordante bouzouki, risuonavano infatti “Bella ciao” e “Comandante Che Guevara” e altri classici del repertorio. Mi informai sui particolari gusti musicali e mi fu risposto che quelle isole lontane erano state il luogo di  confino dei dissidenti, durante il regime dei colonnelli e questo aveva favorito il radicamento di una “egemonia culturale” di sinistra.

Ma la sorpresa più grande di quella trattoria venne insieme al cibo, che fu davvero memorabile: calamari alla griglia freschissimi e delle fantastiche melanzane Imam, che non scorderò mai e che vi voglio raccontare.

Ingredienti:
6 melanzane tonde grandi
5 cipolle
6 spicchi di aglio
5 pomodori maturi
Prezzemolo tritato
Olio di oliva
Sale e pepe

Procedimento:
Lavate le melanzane, tagliatele a metà, incidetele e salatele. Quindi friggete le melanzane da tutti e due i lati, quindi toglietele dal fuoco e svuotatele della polpa e disponetele in una teglia da forno. Pulite le cipolle e fatele a fette, pulite l’aglio e tritatelo. Quindi fate rosolare nell’olio le cipolle e l’aglio, quindi aggiungete il pomodoro pelato e tritato, la polpa di melanzane che avete tolto precedentemente, il prezzemolo, il sale ed il pepe. Lasciate cuocere per 10 minuti e fatelo addensare. Con la salsa riempite le melanzane, quindi disponetele in una teglia e versate sopra la salsa rimanente, aggiungete una tazza di acqua e infornate per un’ora a 170 gradi.

Photo by marciespics via Flickr con licenza Creative Commons Attribuzione 2.0 Generico.

Potrebbe interessarti anche:

Una risposta.

  1. massimiliano scrive:

    provate ieri sera… grandissimo successo!! ma nella foto ci sono anche spicchi di patate???

Rispondi