Autore: Gina Valeri
Categorie: Cucina, In evidenza, Ricette

I “limoni Meyer” sono un ibrido che si coltiva in Cina, come piante ornamentali in vasi, come si coltivano nei terrazzi e balconi italiani alberelli di aranci, limoni etc…
Non è propriamente un limone nel vero senso della parola, ma una combinazione tra il limone, l’arancio ed il mandarino cinese,  e contiene una nota amarognola che lo rende perfetto come succo di frutta, nonchè per svariati usi in pasticceria.

Un impiegato del Ministero dell’Agricoltura, un certo Frank Meyer, fece conoscere questo frutto negli U.S.A. introducendolo in California poco più di cento anni fa.
Comunque non raggiunse l’apice della notorietà fino a quando, recentemente, alcuni chef, attraverso popolari programmi televisivi, non hanno creato ricette specificatamente per il limone Meyer.
Personalmente mi piacciono un sacco, e li ho scelti per questa ricetta perchè mi ricordano i cedri di Amalfi, così buoni che possono essere mangiati a morsi come il pane.

Ingredienti:
Per la crosta
115g burro freddo, tagliato a dadini
60g zucchero granulato
220g farina “00”
1 tuorlo d’uovo
Pizzico di sale
2-4 cucchiai di acqua affreddata col ghiaccio

Per il ripieno
185g succo filtrato di limoni “Meyer” o cedri o limoni d’Amalfi o una miscela di succo di limone e d’arancia, a gusto
Buccia gratuggiata di 3 limoni
300g zucchero granulato
5 uova
Pizzico di sale
175g burro, tagliato a fette

Per la guarnizione
Mirtilli freschi o altri frutti di bosco preferiti (i.e., more, lamponi)

Attrezzi necessari:
2 anelli di pasticceria di diametro 20cm
Una teglia rettangolare grande
Carta da forno
Fagioli secchi

Procedimento

Per la crosta
1.     Mettere il burro, lo zucchero, la farina, il tuorlo d’uovo, ed il sale nel robot a mescolare finchè diventa granuloso, con una consistenza simile al parmigiano grattugiato.
2.    Aggiungere l’acqua un cucchiaio alla volta, finchè l’impasto diventa una palla e si stacca dai lati.
3.    Posare l’impasto sulla tavola leggermente infarinata e formare due dischi.
4.    Coprire bene con il cellophane e posare nel frigorifero per 30-60 minuti.
5.    Accendere il forno a 220 gradi.
6.    Preparare due anelli di pasticceria sopra la teglia con della carta da forno.
7.    Stendere l’impasto e mettere negli anelli stando attenti a premere gentilmente negli angoli degli anelli.
8.    Passare un matterello sopra la superficie degli anelli, tagliando l’eccesso dell’impasto ai lati.
9.    Coprire con un foglio di carta argentata e posare 500g di fagioli secchi sopra la carta.  N.B.  Questo procedimento è necessario per mantenere la crosta bassa e uniforme.
10.Cuocere la crosta per 10-12 minuti al forno.
11.Mettere la crosta a raffredare.

Per il ripieno
1.    Accendere il forno a 150 gradi.
2.    In una ciotola, mescolare con la frusta il succo, la buccia grattugiata, lo zucchero, le uova, ed il sale.
3.    Trasferire la pastella in una pentola e cuocere a fuoco medio per 12-15 minuti finchè diventa più densa.
4.    Togliere dal fuoco e aggiungere i pezzetti di burro poco alla volta finchè si arrivi ad una consistenza setosa.
5.    Passare al setaccio per togliere la buccia e pezzetti di uovo cotto.
6.   Versare il ripieno nelle croste e mettere al forno per 14 minuti.
7. Lasciare a raffredare un po’ prima di decorare con la frutta sulla superficie.

Porzioni:
6

Durata di conservazione:
Servite entro un giorno

Potrebbe interessarti anche:

2 risposte.

  1. emanuela scrive:

    Ma questi agrumi non sono le conquettes , cosi’ le chiamava mia suocera .. piccoli frutti arancioni come mini aranci o mandarini , non gialli come i limoni , con un gusto un po’ amaro, usati spesso come pianta decorativa da terrazzo ?
    Questa tarte sembra davvero piacevolissima e “fresca”

  2. Antonello Villani scrive:

    Una crostata fresca di stagione. I limoni danno una nota amaragnola ad un dolce che può essere consumato anche con il solleone. Bella la presentazione della crostata che proponi. Brava. Antonello

Rispondi