Autore: Martin Rance
Categorie: Cucina, Idee

Qualche giorno fa un amico mi segnala un articolo del Tirreno di Prato su due blogger che erano diventate “cuoche a domicilio” (nei momenti di sconforto lavorativo il leit motiv è “dovremmo darci alla cucina!”). Cerco l’articolo e… ma io Cinzia la conosco!
Mi incuriosisco, la contatto e le rivolgo qualche domanda: eccole qua!

Come è nata l’idea di Pranzo di Famiglia?
Nel luglio del 2010 la mamma stava affrontando la cura post-tumore al seno. Io ero iscritta all’università di Bologna, facoltà di Scienze della Comunicazione. Per provare a vivere meglio il post intervento le proposi di raccogliere le nostre ricette su un blog, perché a me serviva per esercitarmi nella mia professione, e a lei serviva per distrarsi. Accettò e.. eccoci qua!

Ormai vanno di moda i “masterchefs”. Il pranzo di famiglia si sta perdendo, e voi puntate proprio su quello. Anacronismo o calcolo studiato?
Calcolo studiato. Ci impegniamo a fare almeno un pasto tutti insieme in casa ogni giorno, perché la condivisione della cena o del pranzo è fondamentale in una famiglia. Quando riusciamo, allarghiamo gli appuntamenti anche al resto della famiglia, alle nonne e ai parenti, proprio perché crediamo che la condivisione di un momento come il pranzo della domenica, o la cena il sabato sera, sia appagante, soprattutto rilassante. Certo, ci vuole una famiglia con cui si va d’accordo!

“Dimagrire con Gusto”, “Dolci dietetici” sono alcuni titoli delle sezioni del vostro blog. Per noi golosi sono ossimori terribili. Convinceteci che ci sbagliamo!
La cuoca junior Cinzia è golosissima, persino lei non ci credeva all’inizio. E invece è possibilissimo! Esistono un’infinità di trucchi per rendere i dolci più leggeri e meno calorici. Ne dico uno? La zucca al posto del burro, o l’olio d’oliva al posto del burro!

Hey, non capisco cosa ti abbia fatto di male il burro, ahah! Ok, torniamo a noi. “Pranzo di famiglia” sta diventando “Pranzo di famiglia a domicilio”. Qual è la vostra idea?
Vorremmo portare la nostra passione per la cucina nelle case delle persone che ci leggono e che vogliono imparare a cucinare, o semplicemente organizzare una cena diversa dalle solite. Organizziamo buffet, compleanni, cene e eventi, creiamo torte su misura e siamo attentissime ad ogni tipo di intolleranza alimentare o problematica, come per esempio la celiachia. Inoltre ci piace insegnare a cucinare in casa, a farsi la pasta ed il pane, anche perchè, dati i tempi che corrono, risparmiare qualche euro non fa mai male, no?

Se hanno incuriosito anche voi, il blog di Cinzia e Giuliana è www.pranzodifamiglia.it. Mentre voi date un’occhiata, io intanto cerco di farmi invitare a pranzo!

Potrebbe interessarti anche:

Rispondi