Il cibo é amore.  Il cibo é famiglia. Il cibo é storia.  A volte il cibo é politica.  Pensando all’avvicinarsi della festività di Passover, “la Pasqua Ebraica,” eccovi un esempio di questi concetti che si amalgano nel tradizionale Challah bread (Pane Challah); una massa di pane arricchita adoperata dagli ebrei di tutto il mondo (ed a New York da tutte le religioni) come parte dell’osservanza della festa religiosa del sabato […]

Il pane rappresenta la base dell’alimentazione tradizionale italiana e di quella toscana in particolare, dato che in questa regione il pane, oltre ad accompagnare numerosi piatti, è l’ingrediente fondamentale per numerose zuppe e per svariati dolci. In Toscana, del resto, si sono sempre coltivate discrete quantità di grano tenero di eccellente quantità, specie nelle province di Siena, Arezzo, Grosseto e Livorno. Il pane toscano è sciocco, ovvero senza sale; questa […]

Volete nutrirvi di pasta ripiena di carne equina spacciata per manzo? Andate pazzi per le torte con residui fecali? Adorate le merendine che sanno di polistirolo? Se siete amanti del cibo splatter non venite a TASTE, non fa per voi. A Firenze dal 9 all’11 marzo si tiene una bellissima fiera delle eccellenze alimentari italiane, realizzate dai migliori artigiani del settore gastronomico presenti in Italia. La location è splendida, la […]

Qualche settimana fa la geometrica potenza di fuoco del Partito Democratico era squadernata ovunque, forse con ingannevole arte massmediatica, e la si narrava ai picchi del 35-38%. Qualche settimana fa, a cuor leggero amici!, non me ne vogliate, me ne partii per le isole Mauritius con la consorte, certo di ritornare, quindici giorni più tardi, in un paese che non avrebbe tardato a ritrovarsi unito e festante sotto le gioiose […]

I vincisgrassi sono un primo piatto tipico delle Marche, il cui nome appare per la prima volta nel 1781 nel libro di cucina “Il cuoco maceratese” di Antonio Nebbia, che li chiamava “princisgrass” e così li descriveva: “Prendete una mezza libra de persciutto, facetelo a dadi piccoli, con quattr’once di tartufari fettati fini; da poi prendete una foglietta e mezza di latte, stemperatelo in una cazzarola con tre once di […]

Se dovessi immaginare queste elezioni come un’esperienza nutritivo-gastronomica, mi verrebbe da dire che senza dubbio scelgo i passatelli in brodo. All’appuntamento elettorale mi avvicino con la sensazione di chi ha passato svariati giorni fuori casa, ha preso tanto freddo e si è nutrito poco e male: snack industriali, patatine untissime, caramelle colorate ma tutte con lo stesso indefinibile sapore… L’Italia secondo me oggi è un po’ così: col fegato a […]