Ancora ricordo, e se lo ricordano anche loro, la prima volta che i miei compagni di università sono venuti a pranzo a casa mia mentre i miei erano in visita alla figlia matricola fuori sede. Mia madre è salentina, ha studiato all’Università di Firenze (filosofia, ci tengo a dirlo perché ne completa il personaggio), e si è laureata (anche un po’ per colpa mia che ero nel pancione) presso l’Università […]

“…inde domum me ad porri et ciceris refero laganique catinum” (Oratio, Satyre, I, VI) E come dare torto al caro Orazio che già nella sua opera “Le satire”, scritta tra il 35 e il 30 a.C, decantava il piacere di tornare a casa e gustarsi un piatto di ceci, porri e “lagane”, probabili antenate delle nostre lasagne? Infatti làgana è un termine che deriva dal greco laganos, da cui il […]

Senza dubbio gli italiani, ed a ragione, si vantano di tutti i piatti che hanno attinenza con la pasta, avendo ogni regione, provincia, comune, città, il piatto tipico di specialità di pasta. Ma anche gli americani hanno un piatto di pasta tipico di cui essi sono ghiotti, il “Mac-n-Cheese”. Le mamme americane servono questo piatto ai loro bambini perché sanno a priori che questi lo mangeranno di gusto senza fare […]

Dopo 19 anni, trovandomi di nuovo a New York, ho deciso di tornare a Little Italy, che ormai è relegata alla sola Mulberry Street e dove di italiano c’è rimasto soltanto soltanto i nomi dei piatti e dei ristoranti: camerieri e cuochi sono ragazzi che provengono da ogni parte del pianeta, in particolare dal sud America e dall’Asia ma non più dall’Italia. Ricordo ancora quando nell’autunno del 1994, con il […]

Un luogo comune sulla cucina americana è quello secondo cui gli americani non rispettano la stagionalità dei prodotti e non usano gli ingredienti locali. Invece molti piatti della cucina tradizionale hanno una provenienza geografica ben identificata e sono preparati nella loro stagionalità. Per esempio, la “peach cobbler” è un dolce tradizionale del Sud, che trae la sua origine dalla raccolta di pesche nello stato della Georgia. Gli americani aspettano con […]

Dopo un inverno grigio e piovoso, durato quest’anno ben oltre le canoniche date di passaggio stagionale, avverto il bisogno fisiologico di colori vivaci, che rallegrino la casa e la tavola, e sapori freschi che mi rilassino e allo stesso tempo energici che mi inneschino la marcia giusta per le lunghe giornate d’afa, e che mi facciano quantomeno immaginare di essere in riva al mare persino seduta alla mia scrivania d’ufficio. […]