Dopo 19 anni, trovandomi di nuovo a New York, ho deciso di tornare a Little Italy, che ormai è relegata alla sola Mulberry Street e dove di italiano c’è rimasto soltanto soltanto i nomi dei piatti e dei ristoranti: camerieri e cuochi sono ragazzi che provengono da ogni parte del pianeta, in particolare dal sud America e dall’Asia ma non più dall’Italia. Ricordo ancora quando nell’autunno del 1994, con il […]

“Sere d’estate, io vado al mare voi che fate, non mi aspettate, forse mi perdo” (cit. N. Fabi su testo di M.Gazzè): mi viene spesso in mente questa canzone quando tornando a casa dal lavoro tengo i finestrini aperti e mi lascio scompigliare i capelli dal vento caldo, mentre penso e progetto interi menù da proporre ai miei amici o da sperimentare in famiglia, rigorosamente in terrazza con la collina […]

Orfana del campionato di calcio, nonché delusa dall’infelice epilogo della stagione per la squadra del cuore, non abbastanza coinvolta dalla FIFA Confederations Cup che si sta svolgendo in Brasile (15-30 giugno) sono ritornata indietro di qualche anno e più precisamente ai Mondiali (vinti) del 2006, ad un’estate torrida nel cemento fiorentino, alle bandiere del quartiere e a quelle emozioni che non possono essere descritte ma hanno solo un nome, un […]

Metti un viaggio a Parigi, una scarsissima conoscenza del francese e una gran curiosità per tutto ciò che è locale – astenersi lettori che viaggiano con spaghetti e sugo della nonna in valigia. Metti una cena molto romantica, un bistrot minuscolo in cui tutti i piatti sono scritti esclusivamente su una lavagna nera (solo in francese, ça va sans dire) e i primi bicchieri di vino che stanno facendo il […]

Uno dei condimenti più famosi della cucina romana era sicuramente il garum, una salsa di pesce (o di interiora di pesce) fermentato sotto sale e insaporito da erbe aromatiche. Sono giunte a noi alcune descrizioni della sua preparazione, e Apicio, il più famoso gastronomo dell’antica Roma, ne faceva largo uso nelle sue ricette, poi raccolte in quella che è la più preziosa fonte di informazioni sulla cucina dell’epoca, il De […]

“L’uomo è quello che mangia”, diceva Ludwig Feuerbach: con questa frase il filosofo tedesco ci dice che la nostra identità è fondata sulle nostre esperienze materiali, ma anche che siamo ciò che mangiamo e mangiamo ciò che siamo, ovvero ci nutriamo di quello che fa parte della nostra cultura e della nostra civiltà. L’uovo di cioccolata a Pasqua non è solo cioccolata a forma di uovo, ma fa parte di […]