Tra i protagonisti di Winetown 2013 abbiamo sicuramente i cibi di strada. Dalle classiche “pizze a portafoglio” napoletane e dalla focaccia di Recco ligure alle bombette pugliesi, dal lampredotto agli hamburger di chianina in rappresentanza della Toscana, fino alle fritture provenienti dall’estero e allo jamon iberico, la rappresentanza delle eccellenze dello street food italiano e straniero è ben nutrita. La selezione è stata effettuata con gran cura da Sabino Berardino, […]

Tre gli eventi speciali, tutti nell’Aula ex Tribunale di San Firenze, dedicati al cioccolato nel bel programma di Winetown 2013, coordinati come sempre da Monica Meschini, finalmente sempre più protagonista nel far conoscere ai suoi concittadini i migliori produttori italiani ed esteri. Il primo evento, venerdì 17 alle ore 17, “Spalmabili a confronto: le migliori spalmabili italiane e…qualche intruso”, sarà una degustazione guidata “alla cieca” della più golosa interpretazione all’italiana […]

Non più a settembre, per permettere la partecipazione dei produttori altrimenti impegnati nella vendemmia, la IV edizione di WineTown, manifestazione che unisce enogastronomia, musica e spettacoli, si terrà a Firenze venerdì 17 e sabato 18 maggio. Dodici grandi dimore storiche fiorentine saranno la cornice di degustazioni, concerti, spettacoli teatrali, per due giorni che si preannunciano davvero interessanti. Il cuore delle degustazioni sarà Palazzo Pitti, dove saranno concentrate la maggior parte […]

La costruzione della cupola del Duomo di Firenze è, come noto, una delle più geniali invenzioni architettoniche di tutti i tempi, progettata da uno dei massimi protagonisti del Rinascimento, Filippo Brunelleschi. La costruzione della cupola impegnò un gran numero di operai che, giorno e notte, cuocevano mattoni e tegole per la cupola, con turni di lavoro duri e sfiancanti. Questi operai e artigiani dovevano essere nutriti con pietanze generose e […]

“Tu, non sei una santa né io Gesù / ci manca Giuda e poi la scena / ma c’è l’ultima cena”. Così cantava Franco Califano in “Ti perdo”, dissacrando e arrochendo il rito eucaristico, per degradarlo al livello della solita minestra riscaldata. Era il 1979. Se n’è andato il Califfo, sregolato, cinico ed in fondo delicato ed amaro cantore di una Roma notturna, fatta di osterie di borgata, di postriboli, […]