Autore: Gina Valeri
Categorie: Cucina, Ricette

Anche se la “cheesecake” ha una lunga storia che è databile ancor più lontano della Grecia antica, molti dicono che la New York-style cheesecake (‘torta al formaggio Newyorchese’) è nata nella cucina di una modesta anonima casalinga, dove fu scoperta da un ristoratore di Manhattan, che, rimastone affascinato dal gusto, ne adottò la ricetta inserendola nel menu del suo ristorante, più di ottanta anni fa.

Già Catone il Vecchio scrisse di “libum” e “placenta,” torte al formaggio usate a scopo religioso. La New York-style cheesecake comunque, dovette il merito della sua nascita, in larga parte, ai formaggiai dello stato di New York, i quali cercavano di duplicare il formaggio francese “Neufchatel,” che in quel tempo andava per la maggiore. Nell’800 William Lawrence di Chester (NY) ne sviluppò un tipo più ricco e cremoso: quel formaggio sarebbe poi stato commercializzato su vasta scala con il nome di ” Philadelphia brand cream cheese” a cavallo del secolo, quando la multinazionale Kraft Food riuscì ad impadronirsi della formula della sua pastorizzazione.

New York cheesecake è sinonimo della storia etnica di New York ed in particolare dei “delicatessen”. La più famosa cheesecake viene prodotta da Junior’s, un ristorante famosissimo di Brooklyn, che la lavora da più di sessant’anni, ed adesso la spedisce in tutta la nazione. Un viaggio a New York non sarebbe completo senza un assaggio di questa deliziosa torta. Se nel vostro immediato futuro non è in programma un viaggio nella Grande Mela, ecco la ricetta per voi.

Ingredienti:
Per la Crosta
90g di burro dolce (senza sale), tiepido e liquido
260g di biscotti (la classica ricetta richiede “graham crackers”, un biscotto integrale, ma si può sostituire con amaretti di qualsiasi marca, Digestive “McVittie’s” o “Carr’s Whole Wheat Crackers”)
50g di zucchero granulato
Un pizzico di sale
Per l’Impasto di Formaggio
1350g di formaggio spalmabile, tipo “Philadelphia” (a temperatura ambiente)
5 uova grandi (a temperatura ambiente)
450g di zucchero granulato
75g di farina “00”
La buccia grattata di un limone
225g di yogurt bianco Greco (Tradizionalmente, si aggiunge “sour cream” una panna acida tipica della cucina americana, ma non é facile da trovare)
Una bustina di vanillina
Un pizzico di sale
Per la Guarnizione
Frutti di bosco tipo: 250g di fragole tagliati á metà, 250g di lamponi, 250 g di mirtilli
Marmellata tipo d’arancia

Attrezzatura necessaria:
Una bilancia
Una teglia rotonda di 26-28 cm o due teglie di 13-14 cm
Una frusta elettrica
Grattugia per limone

Procedimento:
1. Accendere il forno e portarlo alla temperatura di 180 gradi.
2. Ricoprire la teglia di carta argentata stando attenti a coprirla fino all’orlo.
3. Macinare i biscotti in un robot da cucina o schiacciarli finemente.
4. Incorporare lo zucchero ai biscotti macinati.
5. Aggiungere il burro e mescolare bene per fare un impasto morbido.
6. Spalmare l’impasto nel fondo della teglia premendo bene per fare uno strato piatto.
7. Mettere al forno per 10-12 minuti. É pronto quando diventa più scuro. Togliere dal forno e mettere a raffredare.
8. Mescolare il formaggio spalmabile con una spatola per 3 minuti senza montarlo.
9. In una ciotola separata, mescolare farina e zucchero, poi aggiungerli all’impasto di formaggio. Amalgamare bene.
10. Aggiungere vanillina e la buccia grattata di un limone.
11. Incorporare un uovo alla volta stando attenti a non montarlo, altrimenti la torta durante la cottura potrebbe spaccarsi.
12. Versare l’impasto nella teglia.
13. Posare la teglia a bagnomaria in una casseruola con acqua bollente che arrivi alla metà.
14. Mettere in forno per 45 minuti.
15. Abbassare il forno fino a 170 gradi per 30 minuti. La superfice della torta dovrebbe essere di colore dorato.
16. Alla fine del tempo di cottura, spegnere il forno. Lasciando la porta del forno socchiusa, far riposare la torta per un’altra ora.
17. Togliere la torta dal forno e togliere la carta argentata. Lasciare a temperatura ambiente per 4 ore (mentre si raffredda, la torta si staccherá dalla ciotola), dopodiché mettere nel frigorifero per minimo 24 ore.
18. Decorare con frutti di bosco, tipo fragole, lamponi e/o mirtilli, o anche marmellate a piacere.

Porzioni:
La torta rende 16 porzioni. È essenziale tagliare la torta con un coltello bagnato nell’acqua calda.

Durata di conservazione nel frigo:
Nel frigo, si mantiene circa da 7 a 10 giorni, avendo l’accortezza di coprirla bene per evitare che prenda gli odori del cibo nel frigo o che si asciughi. È possibile anche congelarla ben coperta e mantenerla nel congelatore per circa un mese.

Potrebbe interessarti anche:

9 risposte.

  1. Lorena Citeroni scrive:

    Cara Gina, il formaggio Philadelphia non è tra i miei preferiti ma la tua ricetta è davvero molto invitante….ti abbraccio Lorena

  2. M.Rosaria scrive:

    Complimenti Gina sia per le notizie interessantissime sulla NewYork cheese cake sia per la precisione davvero scientifica della tua ricetta. La provero’ senz’altro e ti faro’ sapere. Spero che pubblicherai altre ricette. Un abbraccio.

  3. sabato villani scrive:

    mi piace

  4. mirko scrive:

    la foto è mooolto invitante
    se seguire la ricetta porta a quel risultato, la provo subito

  5. Antonello Villani scrive:

    Complimenti per il tuo articolo. Ed ovviamente per la cheesecake. Sei passata dai cioccolatini ai plumcake, dal pane alle torte tradizionali. Il passo non è breve e i risultati si vedono. A vedere la torta viene la voglia di provare la ricetta che hai riportato. Le istruzioni sono chiare, vale la pena tentare. Antonello

  6. Filippo scrive:

    Che meraviglia! Fa venire l’acquolina in bocca. Tra le mille ricette di cheese cake in cui mi sono imbattuto questa è senza dubbio la più appetitosa. La proverò quanto prima e vi farò sapere il risultato. Intanto un grazie di cuore a Gina.

  7. emanuela scrive:

    Brava Gina ! la ricetta , come tu la presenti , e’ molto chiara e sembrerebbe facilissima da seguire per poter fare, anche una “analfabeta” della cucina come sono io … un’ottimo cheesecake .

  8. Elena Secondo scrive:

    Che delizia! Brava, Gina– mi hai decisamente fatto venire l’acquolina in bocca!!

  9. Lucia scrive:

    Che buona!! La cheesecake e’ una delle mie preferite: fresca, adatta ad ogni stagione, digeribilissima e amata dai bambini! Questa ricetta poi e’ davvero “scientifica”: seguendola scrupolosamente nessuno si potra’ sbagliare e la riuscita e’ garantita. Piu’ che quella di Junior’s, vien voglia di assaggiare la cheesecake di Gina!

Rispondi